Allattamento al seno | Bambino e gravidanza

Devo allattare il mio bambino? Una domanda che molte madri incinte chiedono. Per alcuni è una cosa chiara, ma non per gli altri. Molti si chiedono se e come farlo "giusto" o cosa cercare quando allatti al seno.

Allattamento al seno: una questione di sentimento

Il primo bambino, in particolare, è spesso insicuro, ma le madri più numerose sperimentano continuamente sorprese quando il secondo o il terzo bambino segnalano improvvisamente desideri e reazioni completamente differenti riguardo l'allattamento, come i suoi fratelli maggiori.

devo allattare al seno il mio bambino
Devo allattare il mio bambino? Informazioni e suggerimenti

L'allattamento al seno come comunicazione non verbale tra madre e figlio

Tuttavia, l'esperienza di madri e ostetriche dimostra che lo stress o anche la pianificazione dell'allattamento al seno non ha molto senso. Perché da una parte c'è la conoscenza, ma dall'altra parte il bambino.

E questo ha solo una voce in capitolo. Le sue preferenze, i suoi bisogni, i suoi sentimenti di fame, ma anche il desiderio di vicinanza e sicurezza determineranno il corso e il ritmo dell'allattamento al seno nel tempo. Dopo tutto, il piccolo cittadino terreno è la persona principale in termini di allattamento al seno.

Se la mamma si fida di suo figlio, si lascia coinvolgere e ha una certa resistenza, questo è in realtà il modo migliore per superare le difficoltà iniziali. Questo vale anche per la domanda su quanto a lungo si dovrebbe allattare. Ancora una volta, non c'è una regola, nessuna regola. Finché piace a mamma e bambino, va bene.

Se la necessità di una parte svanisce, la maggior parte delle volte anche l'altra parte reagisce intuitivamente con la sensazione che sia ora di smettere. La comunicazione tra madre e figlio riguarda quasi esclusivamente intuizione e sentimenti, che non è diverso quando si allatta.

Latte da latte energizzante

Se l'allattamento al seno è considerato anche dal punto di vista nutrizionale, resta da sottolineare che non esiste un sostituto equivalente per il latte materno. Le miscele sostitutive offerte nel commercio si basano su mucca, soia o latte di cavalla e riproducono il latte il più lontano possibile. Ma non hanno una tale composizione.

Perché solo questi contengono le sostanze immunitarie vitali di cui la piccola persona ha bisogno, specialmente nella prima metà dell'anno per la protezione del nido. Questi sono principalmente contenuti nel colostro, il cosiddetto foremilk, che viene consegnato nei primi giorni dopo la nascita. Quindi arriva alla formazione del latte materno reale.

Ecco la composizione di nuovo qualcosa di diverso. Sulla strada dal latte materno al latte materno, il contenuto proteico diminuisce, il contenuto di grassi e carboidrati aumenta. La quantità prodotta dipende dal rapporto domanda-offerta, ma anche la domanda può variare. Ecco le figure più importanti che confrontano il latte materno con il latte di mucca:

componenti principali
(G / 100g)

Proteina
(= Proteine)

carboidrati
(es. zucchero)

Grasso

latte materno

1,2

7,0

4,0

latte di mucca

3,3

4,6

3,6

fonte: www.afs-stillen.de

La tabella mostra che il latte umano è esattamente adattato alle esigenze del bambino. Il latte vaccino contiene troppe molecole proteiche o proteiche per un bambino, che può danneggiare i reni. Pertanto, il latte vaccino non deve essere somministrato nel primo anno di vita. Il contenuto di carboidrati e grassi, d'altra parte, è troppo basso.

La sensazione di sicurezza durante l'allattamento

Tuttavia, oltre alla domanda nutrizionale, l'allattamento al seno svolge anche un altro compito importante: il legame emotivo tra madre e figlio. Soprattutto all'inizio, quando devi prima "conoscerti", se il bambino deve trovare la sua strada senza la protezione di riscaldamento dello stomaco di mamma nel suo nuovo ambiente e ha ancora bisogno di molta sicurezza. Proprio allora l'allattamento al seno aiuta a promuovere questi aspetti.

La madre sta allattando il suo bambino in un parco
L'allattamento al seno dà sicurezza al bambino

Il legame intimo e amorevole tra madre e figlio, che viene prodotto durante l'allattamento, è anche difficile da sostituire con qualsiasi altra cosa. Importante qui è un ambiente con abbondanza di pace, calore e comfort.

Nessuna TV o radio dovrebbe funzionare, il telefono dovrebbe essere spento e le funzioni domestiche dovrebbero essere delegate nelle prime settimane, se possibile. In questo ambiente, entrambi possono godere della vicinanza e costruire un rapporto intimo con l'altro.

Ovviamente anche l'allattamento al seno ha aspetti molto pratici. È sempre e ovunque il cibo giusto, nella giusta composizione e temperatura, preparato al momento e privo di germi. Non è necessario il trasporto di bottiglia, scaldabiberon e altri accessori. Ciò consente anche alla madre maggiore flessibilità e minore sforzo organizzativo.

Tutto sommato, ha modellato la saggezza della natura in modo che l'allattamento al seno sia l'inizio ottimale nella vita di un nuovo piccolo bambino umano. Nutrizionale, emotivo e logistico. Certo, ci sono donne che non possono o non vogliono allattare. Anche quest'ultimo è ok, perché non dovrebbe esserci alcuna costrizione contro i propri sentimenti. Non sarebbe buono da entrambe le parti. Tuttavia, se c'è un desiderio e una possibilità di allattare al seno, questo dovrebbe essere preferito a qualsiasi soluzione artificiale.

Altre pagine su baby e gravidanza

cura del bambino

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * evidenziato.